VIDEO – Bagnai distrugge Conte e la Germania.

Intervento del Senatore Bagnai oggi sulla legge di Bilancio del Governo Conte.

Il Prof. Bagnai non si smentisce e disintegra un Governo di incapaci sulla legge di Bilancio, evidenziando i danni delle politiche di austerity imposte dall’Europa.

E’ immediatamente scoppiata la bagarre al Senato per una frase del senatore che ha sollevato le proteste del PD.

In un afflato europeista, il primo settembre del 1939, la Germania invase la Polonia, perseguendo a modo suo l’obiettivo, che nel frattempo è cambiato nelle forme, ma non nella sostanza, dell’unificazione del continente a suo uso e consumo.

Quello che accadde dopo ce lo ricordiamo tutti, qui mi limito ad un dettaglio: il PIL italiano nel ’39 crebbe di un gagliardo 6,3%, ma poi le cose cambiarono per ovvi motivi e si giunse a un minimo di 107 miliardi nel 1945, quasi la metà.

(Alberto Bagnai – Senato – 30.10.2020)

Il discorso ovviamente tendeva a mettere in luce le crisi economiche del passato con quella attuale che il Governo non è assolutamente in grado di fronteggiare.

Quello che abbiamo capito oggi è che in Parlamento i servi della Merkel sono tantissimi, visto che la Germania non si può neanche criticare.

Ascolta il mio Podcast

Non perdere mai un episodio, iscriviti.

Ovunque ti piacciano i podcast:


Ultimi podcast pubblicati:

  • Chiunque pensa che la fiducia ottenuta in Senato abbia chiuso la partita si sbaglia. I 156 voti ricevuti da Conte grazie ai senatori a vita, ai voltagabbana e a gente come Ciampolillo, sono serviti solo a rimandare la resa dei conti. Fabrizio Gareggia
  • Il Presidente del Consiglio è accreditato di 155 voti, su una maggioranza assoluta di 161. Nel computo dei suoi sostenitori ci sono anche i senatori a vita e tutti i nuovi acquisti che sono riusciti a raccattare. Vediamo i possibili scenari. Fabrizio Gareggia
  • Crisi di governo ultimissime: oggi Conte alla Camera, poi la crisi passerà al Senato. L'ombra dei servizi e della massoneria sulla caccia ai voti che dovrebbero salvare il governo. Fabrizio Gareggia
  • L'elenco dei social e delle app libere per esprimere le proprie idee senza essere censurati, ma soprattutto per vendicarsi di Facebook e Twitter. Fabrizio Gareggia
  • Come nella Germania nazista o in Corea del Nord: chi non si allinea viene cancellato. Poche ore dopo il ban di del Presidente Donald Trump da parte di Twitter e Facebook, Apple e Google rimuovono dai loro store l'app Parler, accusata di incitare all'odio e alla violenza. Siamo ormai piombati in una dittatura digitale globale. […]

1 Comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.