De Micheli e Bellanova: vaccino obbligatorio. Siete d’accordo?

De Micheli e Bellanova vogliono il vaccino obbligatorio per vincere la resistenza di coloro che non si fidano. Siete d’accordo?

Mentre Ursula Von Der Leyen annuncia che la Commissione Europea ha acquistato altri 100 milioni di dosi di vaccino da Pfizer-Biontech, in Italia ci si interroga sulla necessità di rendere obbligatorio il vaccino.

Secondo il Ministro dei Trasporti Paola De Micheli il vaccino è sicuro, quindi dopo un’adeguata informazione, se i cittadini non decideranno di vaccinarsi spontaneamente, non si può escludere l’obbligatorietà.

Sulla stessa lunghezza d’onda Teresa Bellanova, che tra un ultimatum e l’altro al Governo Conte, chiede l’obbligatorietà del vaccino, reputando superficiale e arrogante l’atteggiamento di chi sceglie di non vaccinarsi.

Secondo il Prof. D’Avack (Comitato Bioetica) invece è ancora troppo presto «per immaginare di prevedere un regime di obbligatorietà per il vaccino. Anche perché, dopo tutto, la campagna vaccinale è appena iniziata». L’imposizione di questa misura da subito riporta ad «un clima da regime cinese».

Voi cosa ne pensate?

Ascolta il mio Podcast

Non perdere mai un episodio, iscriviti.

Ovunque ti piacciano i podcast:


Ultimi podcast pubblicati:

  • Chiunque pensa che la fiducia ottenuta in Senato abbia chiuso la partita si sbaglia. I 156 voti ricevuti da Conte grazie ai senatori a vita, ai voltagabbana e a gente come Ciampolillo, sono serviti solo a rimandare la resa dei conti. Fabrizio Gareggia
  • Il Presidente del Consiglio è accreditato di 155 voti, su una maggioranza assoluta di 161. Nel computo dei suoi sostenitori ci sono anche i senatori a vita e tutti i nuovi acquisti che sono riusciti a raccattare. Vediamo i possibili scenari. Fabrizio Gareggia
  • Crisi di governo ultimissime: oggi Conte alla Camera, poi la crisi passerà al Senato. L'ombra dei servizi e della massoneria sulla caccia ai voti che dovrebbero salvare il governo. Fabrizio Gareggia
  • L'elenco dei social e delle app libere per esprimere le proprie idee senza essere censurati, ma soprattutto per vendicarsi di Facebook e Twitter. Fabrizio Gareggia
  • Come nella Germania nazista o in Corea del Nord: chi non si allinea viene cancellato. Poche ore dopo il ban di del Presidente Donald Trump da parte di Twitter e Facebook, Apple e Google rimuovono dai loro store l'app Parler, accusata di incitare all'odio e alla violenza. Siamo ormai piombati in una dittatura digitale globale. […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.