11 cristiani trucidati in Nigeria la vigilia di Natale

Mentre l’Europa rinnega le sue radici cristiane, nel mondo i cristiani sono perseguitati e trucidati senza pietà. In Nigeria la vigilia di Natale si è macchiata di sangue, nel silenzio dei media.

Difendi l’informazione libera, seguimi su:

In Nigeria il 24 dicembre è stato un giorno di terrore, odio e morte. A Pemi, un villagio a maggioranza cristiana nella parte nord-orientale della Nigeria, una chiesa è stata attaccata da terroristi jihadisti di Boko Haram, che si sono accaniti con ferocia sui fedeli riuniti in preghiera.

Il bilancio dell’attacco è teribile: 7 morti, ma ancora ci sono diversi dispersi e altri 4 cadaveri sarebbero stati rinvenuti nella boscaglia circostante il villaggio.

La chiesa, al termine dell’attacco è stata data alle fiamme e così anche una decina di abitazioni. Secondo alcune fonti il sacerdote sarebbe stato rapito.

I cristiani perseguitati nel mondo nel silenzio più totale.

Nessuna voce si alza a difesa dei cristiani perseguitati nel mondo che, stando alle stime dell’Associazione Open Doors, sarebbero circa 260 milioni in 50 Paesi.

I dati sono agghiaccianti. Nel corso del 2019 circa 3 mila cristiani sono stati uccisi mille sono stati i rapimenti. Sono state incendiate, demolite o chiuse più di 9 mila chiese, ma quello che disgusta ancor di più è il numero degli stupri e degli abusi sessuali contro i cristiani: ogni giorno, in media, 23 cristiani subiscono crimini di questo genere.

Ascolta il mio Podcast

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.