L’insostenibile leggerezza del Premier

Gli stati generali, la nuova trovata del duo Conte – Casalino per tentare di prendere tempo ed evitare di essere disarcionati da una maggioranza che sta mostrando segni di insofferenza.

Conte ha capito che il suo tempo sta per scadere: il Partito Democratico è ormai riuscito a ritrovare una direzione, i sondaggi dimostrano che ha un consenso solido. Certo, non da assicurare una campagna elettorale trionfante, ma sicuramente l’obiettivo di Zingaretti è stato raggiunto: il logoramento del movimento 5 stelle è evidente e non passa giorno che i ministri di punta dei grillini siano attaccati e costretti al ritiro con perdite. 

Iscriviti al mio canale Youtube

Quello che per l’ambizione di Conte era sembrato un alleato fedele si sta rivelando per quello che è: una organizzazione in grado di ingessare ogni mossa, di infiltrarsi ai più alti livelli e agire sotto copertura. In pratica l’alleanza con il PD è stato un abbraccio mortale e il Presidente del Consiglio lo sa.

L’Italia è in crisi, nera, profonda, di sistema. Servirebbero soldi, ma dall’Europa sono arrivate solo promesse e annunci alle quali l’unico che ci crede è proprio Conte, non perché sia uno sprovveduto, ma perché la sua sopravvivenza politica è legata a quei soldi.

Annunci

Senza l’Europa conte non può fare nulla, anzi la crisi di liquidità è l’obiettivo del partito democratico che con il Ministro Gualtieri si è sempre rifiutata di usare i BTP per obbligarci ad accettare il MES e far commissariare dall’Europa il prossimo governo, sicuramente di centrodestra.

Per questo Conte rimane immobile e con lui tutto il Paese, mentre Francia e Germania proseguono le loro politiche economiche di supremazia sul resto dei paesi europei. Conte rimane immobile, come un pavone che fa la ruota, chiama intorno a sé personaggi famosi che possano dargli lustro e peso, proprio quelle cose che lui politicamente non ha.

Gli stati generali sono proprio questo: una parata inutile per l’Italia, ma funzionale al Premier che avrà spazio sui giornali parlando di sogni e massimi sistemi. 

Iscriviti al mio canale Youtube

Agli stati generali si noteranno molto le assenze, ma anche le presenze dalle quali si può concludere che la parabola politica di Conte non è ancora conclusa: Ursula Von Der Leyen sembra intenzionata a confermare la sua presenza. Questo ennesimo spot con un testimonial d’eccezione però servirà solo a prendere tempo, ma non per Conte, per l’Europa che ritiene ancora Salvini una minaccia, nonostante le rassicurazioni di Berlusconi.

E mentre va in scena l’ennesimo teatrino ipocrita, l’Italia sprofonda nel baratro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.