SCANDALOSO REPORT: “LA GUERRA DEGLI INFERMIERI”.

Iscriviti al mio canale YouTube: https://bit.ly/2xUelJ3

Nella puntata di Report andata in onda il 13 Aprile si parla della sanità umbra ad un anno esatto dalla indagine della procura della repubblica di Perugia che ha decapitato i vertici regionali.

Secondo Lucina Paternesi la situazione attuale del sistema sanitario regionale versa in condizioni di grave difficoltà.

La cosa incredibile è che le cause di questa situazione sono imputate esclusivamente alla attuale giunta Tesei e all’assessore Luca Coletto, in carica dal 21 novembre scorso.

La ricostruzione faziosa e spregiudicata, oltre a non trovare riscontro nella realtà, appare fin troppo basata sulla strumentalizzazione politica, piuttosto che su fatti concreti, visto anche che i dati sulla gestione dell’emergenza COVID-19 dimostrano inconfutabilmente che l’attuale governance della sanità regionale ha saputo affrontare con determinazione e competenza l’epidemia.

La mia analisi sul servizio di Report andata in onda il 13 aprile 2020

Qui di seguito il testo di presentazione del servizio tratto dal sito della trasmissione: «Qui ce so le domande, tra quelle lì… sta’ tranquilla». Diceva così il direttore dell’azienda ospedaliera all’allora presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini. Neanche un anno fa l’intera classe dirigente del Pd umbro veniva spazzata via dall’inchiesta Concorsopoli, in cui venne arrestato l’ex sottosegretario agli interni Gianpiero Bocci, l’ex assessore regionale alla sanità e indagata, assieme ad altre 35 persone, anche la governatrice Marini. Nelle carte si profila un’associazione per delinquere che, per almeno tre anni, avrebbe pilotato tutti i concorsi all’ospedale di Perugia. Un anno dopo, con l’intera sanità totalmente commissariata, come sta reagendo l’Umbria all’emergenza Coronavirus? Si scontano ritardi e penuria di medici e infermieri e chi lavora oggi in emergenza lo fa con gravi carenze di dispositivi di protezione. Eppure la Regione aveva un piano pandemico fin dal 2007, che non è stato mai aggiornato. La nuova giunta di centro destra ha dato l’incarico di assessore regionale alla sanità a un fedelissimo di Salvini, il geometra Luca Coletto. In ritardo, rispetto alle altre regioni, è stata disposta la stabilizzazione dei precari mentre gli specializzandi, oltre che le altre categorie sanitarie, hanno già aderito a bandi di altre regioni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.